Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:PONTEDERA20°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità sabato 01 settembre 2018 ore 13:50

Gli americani passarono l'Arno e la guerra finì

Il primo ed il due settembre di 74 anni fa si concluse la battaglia durata due mesi. Eppure si poteva accorciarla.



PONTEDERA — La guerra finì a Pontedera (e in quasi tutti i centri che si affacciavano sull'Arno) tra il primo e il due settembre del 1944, settantaquattro anni fa, quando gli americani si decisero a passare il fiume allo storico guado, nei secoli usato anche da imperatori e probabilmente da San Francesco, all'altezza dell'ottocentesco ponte alla Navetta che loro stessi avevano bombardato e abbattuto qualche mese prima. 

Quest'anno i primi due giorni di settembre sono un sabato e una domenica, mentre allora furono un venerdì e un sabato. Entrambi col tempo buono almeno a giudicare dalle fotografie ritrovate negli archivi americani e pubblicate sul bel libro "La guerra in Valdera" di Fausto Pettinelli. Da due settimane le truppe tedesche avevano già abbandonato la deserta Pontedera - riempiendola di mine che fecero diverse vittime, facendo saltare i campanili del Duomo e alcuni edifici in riva all'Arno - traversando il fiume di notte con le loro truppe e mezzi bellici in fila sulla stradina realizzata, e poi fatta saltare, a pelo d'acqua nel punto dove ora parte il battello fluviale. 

La fecero costruire da uomini rastrellati in zona e poi rilasciati con un 'certificato' che assicurava il pagamento del lavoro a fine guerra. (Mai vista una lira... ). Da là d'Arno, zona Montecchio-Montecalvoli, i tedeschi continuavano però a rispondere all'assai più potente fuoco degli americani attestati a Forcoli e tra la Borra e Gello, finché se ne andarono verso nord. Tutto finì, qua a Pontedera, ma la battaglia sarebbe potuta finire prima - stiamo parlando di strategie belliche - se le truppe del generale Clark che avevano conquistato la Valdera sbucando da Chianni non si fossero fermate alla Borra. Probabilmente per ordini superiori e legati allo sbarco in Normandia dove i tedeschi sarebbero stati portati a combattere mentre la strategia alleata era che rimanessero il più possibile in Italia.

Negli ultimi giorni di agosto, partigiani di Pontedera, Calcinaia e circondario, avevano più volte "invitato" gli americani a entrare in città visto che i nemici si erano ritirati, ma la V armata del generale Clark si mosse, ovviamente, quando lo decisero loro. E dal due tre settembre i primi pontederesi cominciarono a tornare in città dai luoghi di sfollamento dove avevano trovato rifugio - ma qualcuno rimettendoci la vita, soprattutto per le cannonate americane contro la collina di Montecalvoli - trovando una Pontedera semidistrutta soprattutto per i bombardamenti americani del gennaio precedente. Ma nonostante le 150 vittime da piangere e le case da riattrezzare in qualche modo, bastava una stanza o un rudere di stanza, la vita ricominciò.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovi decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore tra area del capoluogo, Cuoio, Valdera e zona di Volterra. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità