QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 15°16° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 ottobre 2019

Attualità venerdì 12 agosto 2016 ore 18:00

Il depuratore della Borra verso la chiusura

Proseguono i lavori alle fognature

Stanno per concludersi i lavori per separare le acque e completare l'allaccio con l'impianto di Gello. Restano alcuni nodi da sciogliere



PONTEDERA — Un cantiere che si avvia alla conclusione: quello che vede gli operai a lavoro per separare le acque bianche e nere e completare l'allaccio al depuratore di Gello, mentre il vecchio impianto a La Borra, una volta conclusi i lavori, verrà dismesso. Dove ora sorge l'impianto resterà solo una stazione di sollevamento per il pompaggio della fognatura.

L'opera si inserisce in quadro di interventi che rivoluziona il sistema fognario della zona per migliorare lo smaltimento dei liquami.

A Santa Lucia restano alcune situazioni da risolvere. "L'Amministrazione affronterà presto questi ultimi nodi - informa l'assessore ai lavori pubblici e all'ambiente Matteo Franconi - pensiamo in particolare all'allacciamento della vecchia fognatura di via del Popolo con quella nuova che passa da La Borra e raggiunge Santa Lucia per poi immettersi nel depuratore di Gello".

In questo caso l'allaccio dovrà essere discusso con Acque. Allo stesso modo la regimazione delle acque in via del Pino, una zona in cui si verificano spesso disagi quando piove intensamente. "Con questi interventi - spiega Franconi - ci auguriamo di risolvere definitamente il problema".

Partito anche il cantiere per la fognatura nella zona del Chiesino, anche in questo caso per separare le acque bianche e nere, con un investimento di 2 milioni e 400mila euro equamente ripartiti fra il Comune di Calcinaia, quello di Pontedera e Acque spa. Fognature, regimazione e misure di prevenzione sono stati fra le priorità messe in agenda dal Comune negli ultimi mesi.

Questi interventi in via di completamento si aggiungono infatti ad altre opere, come l'idrovora del Romito in via Macchiavelli, i semafori di emergenza collocati in vari sottopassi del Comune (per allertare i guidatori in caso d'allagamento) o lo sfioratore da 300mila euro in via Angar o ancora i 60mila euro di investimenti in caditoie in alcune vie, fra le quali viale IV Novembre, la Bianca e in diverse strade a La Rotta.



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Imprese & Professioni