QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 4° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità giovedì 19 maggio 2016 ore 14:00

Itis e Ipsia, il cantiere è aperto

L'inaugurazione del cantiere

Sono partiti i lavori nei due edifici scolastici per un investimento complessivo di 2 milioni e 600 mila euro. Nuove officine e cappotto termico



PONTEDERA — La facciata dell'Itis G. Marconi è destinata a cambiare fisionomia. La parete esterna dell'istituto tecnico industriale è già in una gabbia di ferro per chi la osserva da fuori: le impalcature sono montate, i lavori iniziati, e dureranno tutta l'estate.

Un cappotto termico per il risparmio energetico, una vetrata - quella al piano terra - sostituita da una nuova e più moderna che permetterà di ricavare spazio da destinare a nuove aule. E poi c'è l'altro cantiere, parallelo, i cui lavori inizieranno lunedì prossimo: quello dell'Ipsia Pacinotti per la realizzazione di due officine e anche qua di nuove aule.

L'investimento per ammodernare le due strutture ammonta a 2 milioni e 600 mila euro. Soldi "piovuti" dal Governo ma ottenuti dopo una selezione che ha visto le scuole di Pontedera piazzarsi nella rosa dei 63 progetti scelti in tutta Italia. "Un risultato di cui andiamo orgogliosi e per il quale ringraziamo il prezioso contributo della Provincia" ha dichiarato il sindaco di Pontedera Simone Millozzi questa mattina durante l'inaugurazione ufficiale del cantiere.

La progettualità era infatti a cura dei tecnici provinciali. A rappresentarli c'era la dirigente del servizio scuola Genni Carluccio: "Per noi il 2015 è stato un anno difficile a causa della soppressione delle province che ha generato non poca confusione - ha spiegato la dirigente - ma ce l'abbiamo messa tutta per continuare a fornire il massimo servizio per portare a casa i risultati e avviare i cantieri".

"Il progetto dell'Itis è stato elaborato dai nostri tecnici - ha aggiunto Carluccio - mentre quello per le officine dell'Ipsia è stato affidato all'architetto Colucci, non solo per la complessità dell'intervento, ma perché la Provincia doveva occuparsi in tutto di 11 interventi sul territorio. E' stata una scelta ragionata, dettata dalla prudenza".

Per L'itis sono previsti un cappotto termico e 3 nuove stanze, spazio prezioso in un istituto che deve fare i conti ogni giorno con la scarsità di aule a fronte di un alto numero di studenti. La vetrata, quella dell'ingresso principale, che si affaccia sul liceo scientifico XXV Aprile, verrà sostituita e raddrizzata nella sua parte obliqua, e così la vecchia "vasca" all'interno della scuola (dove gli studenti si siedono nei momenti di pausa o dove vengono allestiti stand nel corso di eventi come l'Happy Hour della tecnica) sparirà per lasciare spazio alle nuove stanze. Un intervento che vale circa 700mila euro.

L'Ipsia Pacinotti sarà dotato di due officine. Una meccanica, l'altra termica. "I macchinari saranno all'avanguardia - ha dichiarato l'architetto Colucci, che vanta circa 20 anni di esperienza nel campo dell'edilizia scolastica. - I due laboratori serviranno sia l'istituto professionale che quello tecnico. Non abbiamo pensato a un capannone ma un'architettura vera e propria, con lega d'alluminio, pannelli solari e led all'insegna del risparmio energetico".

In tutto, si tratta di una superficie di mille e cento metri quadri suddivisa in tre blocchi. "Ci teniamo a sottilineare - ha aggiunto Colucci - che il progetto non è calato dall'alto, ma partecipato e condiviso fra tecnici, docenti e amministratori".

"In entrambe le scuole il grosso dei lavori dovrebbe concludersi entro la fine dell'estate per non compromettere le lezioni - ha annunciato Genni Carlucci. - All'Ipsia ci vorrà un po' più di tempo e il cantiere dovrà protrarsi almeno per un anno".

Filippo Bernardeschi
© Riproduzione riservata



Tag

Mes, Lucidi annuncia voto in dissenso, contestato dalla ex-M5s Nugnes e dai compagni di gruppo

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Cronaca