Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:15 METEO:PONTEDERA15°25°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 05 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Karima El Marough: «E' stato un incubo, adesso rivoglio la mia vita»

Attualità sabato 30 settembre 2017 ore 18:00

Pendolari a piedi e autisti malmenati sui bus

I sindacati Cgil, Cisl, Uil e Cisal denunciano le condizioni del trasporto pubblico locale e raccontano l'ultimo grave caso avvenuto a Pontedera



PONTEDERA — "L'unica certezza è che i passeggeri restano a piedi, che i lavoratori vengono costantemente minacciati o più verosimilmente malmenati dagli utenti, l’ultimo increscioso fatto è accaduto ieri a Pontedera, dove un’autista ha ricevuto un cazzotto da un extracomunitario". E' la denuncia fatta in coro dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil e Faisa Cisal di Pisa in merito alla situazione del trasporto pubblico locale.

"Sono anni, che andiamo a denunciare questo stato di cose - si legge in una nota congiunta dei quattro sindacati -, sono anni che mettiamo in evidenza la criticità dei mezzi usati dalla Ctt Nord, dalla loro anzianità e dallo scarso numero di mezzi che la mattina escono dai depositi. La conseguenza delle nostre inascoltate denunce oggi fa gridare gli utenti e l’opinione pubblica, e mai prima di adesso nessuno si è preso a cuore il problema. Cittadini che pagano biglietti e abbonamenti e che poi restano a piedi perché non tutti hanno la possibilità di salire sui mezzi pubblici".

"È uno scarica barile continuo di responsabilità - continuano -, la colpa di questo stato di cose, sono sempre di qualcun altro. Quando degli Enti Pubblici che non pagano per eventuali corse bis, quando la colpa è della Regione Toscana che non finanzia ulteriori acquisti di autobus, ma nessuno ha il coraggio di addossarsi le responsabilità per il mancato acquisto di nuovi autobus o perché esiste una reale carenza di personale autista. È doveroso ribadire che è una cosa vergognosa invece dare la colpa ai lavoratori, se le corse non si effettuano, non è colpa dei lavoratori in servizio, anche loro sono costretti a stare fermi nei depositi per carenza di vetture o perché l’azienda CTT Nord non riesce a ricoprire i turni perché manca il personale". 

E ancora: "Gli autobus scarseggiano, c’è un parco autobus vecchio di oltre 12 anni medi, mancano i pezzi di ricambio e si vampirizzano gli autobus fermi per altri guasti per prendere i pezzi di ricambio utili a ripararne altri, manca il personale autista, non viene rispettato il turn over, scelte degli amministratori locali che anziché incoraggiare l’uso del mezzo pubblico con scelte cervellotiche, allontanano i cittadini dall’uso del mezzo pubblico. A tutto questo si aggiungono i lavori che vengono effettuati sulla viabilità provinciale che causano deviazioni alle quali non si fa fronte dando delle percorrenze sufficienti per effettuare il servizio rispettando i tempi".

"La politica, le aziende che svolgono il servizio di Tpl - hanno concluso i sindacati -, non si curano dei diritti dei passeggeri e dei dipendenti, la cosa che interessa maggiormente è quella di risparmiare, di fare utili a discapito dei più deboli, i cittadini e i lavoratori".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ispezione dei carabinieri di Pontedera e del Nas, che hanno richiesto l'intervento dell'Ausl e comminato sanzioni, oltre a segnalare il titolare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Rino Tommasi

Sabato 01 Ottobre 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

Attualità