QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 24 febbraio 2020

Lavoro mercoledì 12 febbraio 2020 ore 11:06

"Dormiamo sul tetto finché Piaggio non c'incontra"

Nuova protesta degli ex contrattisti a termine supportati da Usb. Benvenuti: "Ci siamo organizzati con viveri e gazebo rosso, restiamo qua"



PONTEDERA — Nuova protesta degli ex lavoratori Piaggio con contratto a termine e stagionali (in maggioranza donne), i cui contratti non sono stati rinnovati dall'azienda un anno fa, a causa del decreto dignità.

Supportati dal sindacato Usb i lavoratori sono tornati sul tetto del palazzo blu dell'Asl a Pontedera, nella zona industriale. Questa volta, a differenza della protesta del maggio scorso, i lavoratori hanno allestito un gazebo per restare a dormire sul tetto, fino a quando Piaggio non concederà un incontro ai lavoratori.

Alessandra Benvenuti, sindacalista di Usb, ha spiegato: "Ci stiamo organizzando. Abbiamo un gazebo rosso, viveri e la voglia di restare qua fino a quando Piaggio non ci darà udienza". 

"L'integrativo che i lavoratori e le lavoratrici Piaggio si apprestano a votare poteva essere l'occasione giusta per inserire la vertenza dei precari e delle precarie storiche ma azienda e sindacati confederali hanno deciso di abbandonarli al loro destino" ha detto ancora Benvenuti.

"Al di là di quello che viene detto, in questi giorni, nell'accordo non c'è niente di certo e scritto rispetto al loro rientro in fabbrica. A dimostrazione di ciò recentemente sono stati assunti decine di lavoratori a termine. Come Usb, insieme alle precarie, abbiamo tentato tutte le strade possibili da oltre un anno, chiedendo confronti con l'azienda privilegiando il dialogo rivolgendosi alle istituzioni e al Prefetto".

"Non siamo più disposti a credere alle menzogne della Piaggio che continua a scaricare la responsabilità sul Decreto Dignità. Gli strumenti normativi per permettere il rientro in fabbrica ci sarebbero. Soprattutto per una multinazionale che ha dichiarato a novembre 46 milioni di euro di utile. Non scenderemo fino a quando non sarà trovata una soluzione. Invitiamo tutti i sindaci della Valdera e le istituzioni a venire qui di fronte al Palazzo Blu a sostenere la vertenza dei lavoratori precari" ha concluso Benvenuti.



Tag

Coronavirus, Conte: «Niente panico e niente allarmismi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Sport