comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°23° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Politica mercoledì 26 marzo 2014 ore 14:19

Raccolta rifiuti, più porta a porta e meno tasse

La ricetta del Comune di Santa Maria a Monte per estendere la differenziata e abbattere i costi di gestione dei servizi



SANTA MARIA A MONTE — Via gli asini spazzini e lo sportello Geofor, per puntare di più su una raccolta porta a porta spinta e una gestione del servizio con risorse e personale del Comune. Questi i punti salienti del piano di riorganizzazione dei servizi ambientali pensato dall’amministrazione comunale di Santa Maria a Monte, decisa a puntare tutto sulla differenziata e a pensarci quasi del tutto da sola.

“L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Ilaria Parrella – è duplice: estendere un unico tipo di raccolta porta a porta a tutto il territorio comunale e provare ad abbattere i costi dei servizi, il tutto per arrivare al 65 per cento di differenziata entro il prossimo anno”.

L’idea della giunta Parrella è infatti quella di cercare di uniformarsi ai municipi limitrofi, tutti con una percentuale di raccolta differenziata superiore quella che ad oggi ha Santa Maria a Monte, ferma al 40 per cento. Un progetto ambizioso che l’amministrazione avvierà con alcuni passi. Il primo, l’eliminazione del servizio degli asini spazzini, è già stato fatto. “Se la precedente amministrazione – ha detto l’assessore all’ambiente Elisabetta Maccanti – nel 2009 avesse investito nel porta a porta, avremmo risparmiato circa 300mila euro sulle tariffe”. Altro passo consiste nell’eliminazione dello sportello Geofor, tutto il sistema di bollettazione e informazione verrà infatti gestito esclusivamente attraverso l’ufficio tributi del Comune. Anche la consegna dei kit per il porta a porta e servizi come la raccolta della carta, dei rifiuti ingombranti e lo spazzamento della zona del mercato saranno svolti dai dipendenti municipali. “In questo modo – ha aggiunto Maccanti – oltre a risparmiare sui costi del personale, attraverso i nostri operatori possiamo avere un censimento sul territorio e sensibilizzare meglio la popolazione”.

Rimarrebbero inoltre, secondo quanto deciso dalla giunta Parrella, anche le agevolazioni per i pensionati, le famiglie numerose, i portatori di handicap e i disoccupati, aiutati anche attraverso vaucher di ore di lavoro socialmente utile.

Ultimo punto che rientra nel progetto di riorganizzazione dei servizi ambientali di Santa Maria a Monte riguarda il centro di raccolta nel quale, ad oggi, è possibile conferire i rifiuti ma non li si può pesare. L’amministrazione vuole quindi porre rimedio a questo disservizio entro giugno, di modo da poter permettere a chi porta rifiuti all’isola ecologica di pesarli e poter richiedere sconti in bolletta.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cultura

Attualità