Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:39 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 19 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Politica lunedì 25 novembre 2019 ore 17:30

"Diamo la cittadinanza a Segre e a Haffner"

Matteo Bagnoli e Matteo Arcenni

La stessa proposta di un conferimento doppio avanzata tanto a Pontedera, da Fratelli d'Italia, quanto a Terricciola, da Terricciola SiCura



PONTEDERA — Terricciola SiSura e Fratelli d'Italia Pontedera hanno presentato una mozione con la quale si propone, ai rispettivi consigli comunali, il conferimento della cittadinanza onoraria tanto a Liliana Segre - senatrice della Repubblica, sopravvissuta da bambina al campo di concentramento di Auschwitz Birkenau e oggi vittima di attacchi antisemiti - quanto ad Egea Haffner. "Nata a Pola in una famiglia Italo Ungherese nel 1941 - ricordano da Terricciola SiCura -, fu costretta nel ‘46 a soli 5 anni a fuggire dalla sua città natale, a causa della pulizia etnica operata dal dittatore comunista Tito, dopo aver perso il padre, assassinato dalle bande Iugoslave".

Nelle mozioni - proposte e firmate dai consiglieri comunali Matteo Arcenni, Elena Baldini Orlandini, Sauro Colombini e Matteo Leggerini a Terricciola e da Matteo Bagnoli e Franco Valleggi a Pontedera -, si ricorda anche che  "In tutto furono uccisi e gettati nelle foibe 30000 italiani e 350000 persone furono costrette ad abbandonare per sempre le proprie case" e che va considerato anche che "Considerato che: Liliana Segre ed Egea Haffner sono un prezioso baluardo della memoria storica della nazione" e che "Negli ultimi anni il crescere dell’odio politico, dell’odio religioso hanno portato a gravi episodi di intolleranza anche nei confronti di chi ha sopportato i momenti più bui del novecento".

Tra le premesse della mozione di Pontedera SiCura e Fratelli d'Italia, che sarà sottoposta al voto dei consigli comunali, si legge inoltre che "L’amministrazione comunale si vuole adoperare, con atto condiviso dall’assemblea consiliare, per far si che il ricordo e la condanna di tutte le atrocità della storia del nostro paese sia esse nazifasciste, sia esse comuniste non scemino con il passare del tempo" e che "è intenzione di questa amministrazione condannare tutti quegli atteggiamenti, tutte quelle azioni tutte quelle associazioni o religioni che fanno della violenza, della sopraffazione nei confronti di avversari politici, nei confronti di altre associazioni, nei confronti di altri credi religiosi o di altri stati, un modus operandi, una ragione ed un faro della propria attività".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore rilevate 25 nuove positività al coronavirus in Valdera. I dati della Ausl Toscana nord ovest anche su ricoverati e vaccinazioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca