Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità lunedì 22 ottobre 2018 ore 15:30

Perché il Serra brucia di più? Nessuno lo sa

E' trascorso quasi un mese dal drammatico incendio. Possibile che i piromani siano tutti qui? Il sindaco Taglioli punta molto sui pini, altri sul fato



VICOPISANO — Quando alcuni anni fa si sviluppò sul Vesuvio un vasto incendio, per tutta Napoli e vasto circondario si sparse la notizia, una fake news come si dice oggi, che l'incendiario o gli incendiari avevano usato dei gatti per dar fuoco al monte

Gatti incendiari e vittime. Tutte le autorità smentirono ma il popolo rimase della propria idea. Ma perché, ci chiediamo e chiediamo, il monte Serra è più colpito, fino all'ultima drammatica situazione del 24 settembre scorso per cui dopodomani sarà un mese, rispetto ad altre montagne e colline? 

Possibile che qua ci siano da sempre più piromani che da altre parti? I piromani non muoiono mai? E se ce ne sono di più, perché? Forse perché i monti pisani sono molto belli e distruggerli dà più gioia, come la gioia 'religiosa' del'Isis nel distruggere bellezze architettoniche e archeologiche?

Abbiamo chiesto pareri qua e là e qualcuno ne abbiamo avuto anche se nessuno ha saputo dare spiegazioni concrete. 

Quella del sindaco Juri Taglioli di Vicopisano è stata la più articolata. "Gli incendi scoppiano dovunque - dice - ma penso anch'io che sul Serra, da decenni e senza andare a tempi più remoti di cui non hanno notizie, il fuoco sia più protagonista che da altre parti". Possibile, chiediamo, che i piromani siano concentrati qua? "Difficile rispondere - ancora Taglioli - mentre è vero che la vegetazione del Serra è più sottoposta al fuoco. Qua ci sono molti pini. E i pini e il loro sottobosco sono facili da incendiarsi, basti pensare che le pine erano molto usate nella civiltà contadina, ma ancora vengono usate, per accendere i caminetti, i 'foarili' come erano chiamati. Il fuoco appiccato a una pina parte infatti a razzo". 

Come è noto, esiste da anni una legge secondo la quale non si può più costruire dove c'è stato un incendio, per cui lo scopo edificativo è annullato in partenza. E allora si torna a alla ricerca di altri motivi. Un esperto del settore, che preferisce non dare il nome e specificare il corpo di appartenenza, premette che "si va a periodi"

"Una quindicina d'anni fa bruciavano soprattutto i boschi delle Cerbaie, Staffoli e dintorni mentre per il Serra, ogni volta che si incendia potrebbe esserci un motivo diverso. Da quello del bruciar foglie per far pulizia ai malati di cervello a vendicatori dei presunti torti subiti".

"Un dato è vero: in questi ultimi anni gli incendi sono aumentati molto e soprattutto in Italia, Grecia, Portogallo, Spagna, ma anche in America, perché, questo è vero, la temperatura globale è aumentata. Ma c'è il rovescio della medaglia nel caso del Serra dove, oltre a frequenti incendi piccoli e medi, già nel 1971 morirono due persone che spegnevano le fiamme mentre nel 1985 la montagna sopra Vicopisano bruciò per giorni, fino a quando piovve, incenerendo 300 ettari. Ma in quegli anni, ecco il ragionamento, la temperatura del mondo non era ancora aumentata. A questo punto non si può che concludere con un ennesimo interrogativo: e allora, che dire, che pensare?

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sei hanno un'incidenza superiore a 250 casi settimanali su 100mila abitanti, altri due invece in sette giorni non hanno avuto nuovi contagiati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Cronaca