QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°32° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 24 agosto 2019

Cultura venerdì 25 novembre 2016 ore 12:06

La storia del borgo negli stemmi dei podestà

Il borgo di Palaia

Sabato pomeriggio sarà presentato il libro che aiuta a comprendere i rapporti tra il territorio di Palaia e lo Stato Fiorentino



PALAIA — Il borgo aggiunge un prezioso tassello alla documentazione storica del suo passato. Sabato 26 novembre alle 17 nella sala del Consiglio del Comune di Palaia, sarà presentato il libro Simboli del potere (edizioni GaAl). La storia di Palaia attraverso una ricerca sugli stemmi dei podestà presenti nell'Archivio comunale del capoluogo dal XVI ale XIX secolo, un contributo per comprendere più in generale i rapporti tra il territorio e la comunità di Palaia e lo Stato Fiorentino.

Gli stemmi presenti sui volumi sono una vera e propria enciclopedia araldica, unica nel suo genere e di eccezionale valore iconografico, che racconta le famiglie che hanno ricoperto l'ufficio di podestà, dando anche uno spaccato storico sulla provenienza delle stesse.

Sabato pomeriggio nel palazzo comunale saranno presenti gli autori Diego Becherini e Alessandro Ubiglia, Elisa Piludu direttore del Gruppo ArcheologicoTecatiana, Annatonia Martorano docente di archivistica all'Università di Firenze e di Bologna, Andrea Landi docente di storia del diritto dell'Università di Pisa e Mario Montorzi professore ordinario di storia del diritto medievale e moderno e diritto comune all'Università di Pisa.

“Questo libro – dichiara il sindaco Marco Gherardini che porterà i suoi saluti alla presentazione – rappresenta una piccola perla che va ad impreziosire la letteratura storica del nostro territori".

"La valorizzazione del territorio – continua il sindaco – passa anche attraverso una pubblicazione di valore come questa”.

“L'augurio – aggiunge Elisa Montagnani consigliera con delega alla cultura – è che il libro possa contribuire a far conoscere ancora di più la ricchezza del nostro Archivio, favorendone il comune interesse alla conservazione”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Cronaca

Attualità