Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:50 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Sport venerdì 19 settembre 2014 ore 17:02

Pedalando in Alta Valdera

La planimetria. In rosso, giallo e verde i tre circuiti
La planimetria. In rosso, giallo e verde i tre circuiti

Tutti i numeri e le strade della classica d'autunno, la coppa Sabatini. Il saluto di Macelloni ad Alfredo Martini



PECCIOLI — Peccioli, Ghizzano, Montelopio, Fabbrica, La Rosa, Selvatelle, Capannoli. Sono questi i paesi che il prossimo 9 ottobre vedranno sfrecciare i ciclisti nella 62esima edizione della coppa Sabatini. E' stato svelato ieri nel giardino della villa Venerosi Pesciolini a Ghizzano il percorso della celebre classica autunnale che si disputa in Valdera.

Il percorso – In totale saranno 197 chilometri, con tre circuiti diversi. Il primo di 21 km vedrà passerà vicino a Ghizzano e Montelopio, attraverserà Fabbrica per tornare a Peccioli. Dal capoluogo si scenderà alla Rosa, poi Selvatelle, Capannoli e risalita verso Peccioli dalla Tabaccaia, per sei volte e circa 100 chilometri di gara. L'ultimo circuito, quello classico di 12 chilometri verrà percorso sei volte e passerà da Peccioli e dalla Fila per tornare all'arrivo. La partenza è prevista per le 11 e l'arrivo intorno alle 16.

Il saluto ad Alfredo Martini - “È stata per tantissimi anni la nostra guida ispiratrice – dice il sindaco Renzo Macelloni durante la presentazione - Ci onoravamo dell’amicizia che il caro Alfredo tributava nei confronti della nostra corsa. È stato un grandissimo onore averlo avuto come nostro cittadino onorario. Ci mancherà tantissimo, quanto ci accompagnerà sempre il suo ricordo”.

Nuove frontiere - “Aver messo alle spalle più di 60 edizioni è sicuramente un risultato eccezionale – sottolinea Macelloni - Il grande ciclismo sta ormai trovando nuovi orizzonti in Paesi fino a poco più di dieci anni fa preclusi. La nostra corsa dovrà però adattarsi ai nuovi contesti. Dovremo riuscire nell’intento e sono sicuro che riusciremo. Grazie alla splendida sinergia in atto tra le parti: istituzioni, sponsor, volontariato. Riconoscendo al gruppo dirigente dell’Unione Ciclistica il merito di essere riuscito a far accrescere il prestigio dell’evento, salvaguardando sempre un oculato budget di spesa”.

La visione romantica - “Un grande appassionato quale sono io – racconta Silvano Crecchi, presidente del mainsponsor Belvedere spa - fa fatica ad uscire dalla visione romantica di questo sport, accettando di relegarlo a complesse operazioni finanziarie e di marketing. Bisognerebbe soffermarci piuttosto sul perché una macchina così semplice qual è la bici riesca ancora oggi in un mondo ipertecnologico, a trovare spazio. Le persone che praticano ciclismo a tutti i livelli, sono in costante aumento in tutto il mondo e questo sport riesce sempre a scatenare ali di folla”.

Le squadre che hanno detto sì - Già garantita la presenza di tre Pro Teams: AG2R La Mondiale, Cannondale e Lampre Merida di Diego Ulissi, Filippo Pozzato e Damiano Cunego e di nove Professional Teams: Androni Giocattoli-Venezuela, Caja Rural-Seguros, Ccc Polsat Polkowice, Colombia, Mtn-Qhubeka, Neri Sottoli, Bardiani Csf, Wanty-Groupe Gobert e Rusvelo.

In attesa del via del 9 ottobre il presidente dell'Unione Ciclistica pecciolese Luca Di Sandro alla fine della presentazione ha rassicurato tutti dicendo che: “Quest'edizione della coppa Sabatini saprà tenere fede alla tradizione.”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dei 36 nuovi casi positivi di oggi comunicati dalla Usl dieci sono stati registrati a Ponsacco e altri dieci a Pontedera
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità