QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità lunedì 06 febbraio 2017 ore 13:00

Via Rospicciano, Russo spiega l'intervento

Il consigliere ha parlato del condominio in cui vivono da poco diverse famiglie macedoni: "C'era un'emergenza sociale e culturale"



PONSACCO — Il consigliere comunale Roberto Russo è intervenuto sulla questione di via Rospicciano. Nel condominio si sono trasferite numerose famiglie macedoni e slovene provenienti da un campo abusivo in dismissione a Oratoio di Pisa. Sulla questione la sindaca di Ponsacco Francesca Brogi aveva dichiarato che il Comune non poteva intervenire in quanto si tratta di accordi tra privati e che l'amministrazione è venuta a conoscenza dei contratti firmati e dei trasferimenti, a cose fatte. Brogi ha anche dichiarato che la Società della salute ha garantito che le famiglie arrivate a Ponsacco sono composte da gente per bene, che lavora. La sindaca ha anche parlato della distribuzione scolastica degli oltre venti bambini nuovi abitanti di via Rospicciano: nove verranno distribuiti tra elementari e media, i restanti saranno invece inseriti in altre classi di istituti della Valdera.

"Da un’emergenza sociale e culturale, rappresentata dal bisogno di alcune famiglie di mandare i propri figli a scuola, è nato il nostro dovere di intervenire per comprendere e cercare soluzioni - ha esordito Russo, capogruppo di 'Ponsacco la città di tutti' - Riteniamo le persone, che sono arrivate in via Rospicciano, dei cittadini qualunque con i medesimi diritti e doveri di tutti. Quindi meritevoli di attenzione e di ascolto come facciamo da sempre e faremo per semplice e spontaneo senso di responsabilità civile. Ringraziamo fin da ora altri cittadini con analoghi problemi, che si sono già messi in contatto con noi per mettere in evidenza questioni irrisolte di trasporto scolastico per studenti ponsacchini".

"Non abbiamo ancora compreso - ha detto Russo che ha parlato anche al nome del presidente della lista Giuseppe Ruggiero - però, la reazione spropositata e allarmata di chi invece ha il dovere di assicurare impegno e soluzioni rispetto a chi ha chiesto di mandare i propri figli a scuola. Il fatto che le famiglie provengano dal campo rom di Oratoio ha scatenato reazioni inquietanti tra cittadini e amministratori. Alcuni scritti firmati da un disattento e poco nobile PD hanno cercato di alzare un polverone e di gettare fango sulla lista civica che rappresentiamo e sulle persone che siamo, parlando della nostra affiliazione ad un “partito della Futura Immobiliare”, come se fossimo assoldati dalla medesima, aggiungendo come nota negativa a corollario il contenzioso tra il Comune e la Futura Immobiliare che ha carattere amministrativo e civilistico, mentre è stata tralasciata la menzione del processo penale in corso di svolgimento al Tribunale di Pisa, in cui sono imputati un ex sindaco di Ponsacco, alcuni tecnici comunali e dirigenti di banca con la Futura Immobiliare come parte lesa, che ha richiesto un risarcimento plurimilionario. In tutto questo il PD e la giunta Brogi non considerano come priorità l’apertura al pubblico della grande piazza, che si affaccia su via Trieste e che fin dai primi piani di intervento urbanistico sarebbe dovuta diventare un grande polmone commerciale e sociale della città".

"Per di più il gentile estensore del PD - ha continuato Russo - che da sempre non ha il coraggio di firmarsi con nome e cognome, ha goffamente e subdolamente tentato di associare le nostre figure e quella di Giuseppe Ruggiero in particolare al concetto di una presunta destra xenofoba e populista, additando la candidatura del Ruggiero medesimo alle ultime elezioni regionali con la lista di alleanza tra Liste Civiche e Fratelli di Italia, in cui la nostra formazione politica ha mantenuto piena autonomia. Il medesimo incompetente buontempone ha affermato falsamente in un altro comunicato stampa che sempre alle regionali Giuseppe Ruggiero sarebbe stato candidato anche nella lista della Lega Nord, cosa non vera e prova di un’evidente confusione all’interno del PD che non riesce neppure a fornire una comunicazione unitaria e verificata".

"Sempre il PD - ha ripreso Russo - ci ha poi definito persone che hanno svelato una sensibilità mai vista per i diritti civili e sociali e per il tema dell’accoglienza , fatto gravissimo ed inaccettabile per la nostra storia personale ed etica professionale, che si aggiunge alla letterale calunnia di aver avuto l’intento di creare allarmismo tra la popolazione. Capiamo bene che parlare oggi di rispetto dei diritti costituzionali risulti indigesto per i paladini della superiorità culturale esclusiva e per coloro che devono applicare “il modello toscano dell’accoglienza”.

Russo ha poi parlato della solidarietà giunta dalla Società della salute: "Non è un caso che risultino pienamente solidali con la giunta del sindaco Brogi le parole della presidente della Società della Salute dell’area pisana, Sandra Capuzzi, anche assessore della giunta del Comune di Pisa e compagna di partito degli amministratori ponsacchini, che si è affrettata a dichiarare alla stampa di studiare forme di disincentivo per gli arrivi di gruppo! E’ sembrata una presa di posizione un po’ affrettata, dato che il progetto di integrazione degli abitanti del campo di Oratoio nasce da un’iniziativa del Comune di Pisa a guida PD e della Società della Salute di Pisa. Sarebbe opportuno fare chiarezza su come potesse essere garantito il trasferimento in una casa stabile (il cui affitto è regolarmente pagato dalle famiglie interessate) e la sistemazione dei minori presso le scuole del territorio, senza un’adeguata comunicazione e coordinamento".

Russo ha posto alcuni interrogativi: "Questi organismi come facevano a non sapere che le famiglie, per cui il PD oggi grida, falsamente, allo scandalo, si sarebbero insediate anche nel Comune di Ponsacco? Oggi attraverso l’aggressione di stampa il PD di Ponsacco vorrebbe fare intendere di non essere stato informato prima dell’arrivo delle famiglie, soltanto perché loro sì che hanno timore di perdere voti alla prossime elezioni amministrative. Se vogliamo trovare responsabilità, bisogna dire che è mancata la programmazione per la fase di accompagnamento all’integrazione scolastica".

Il capogruppo ha continuato: "Ancora più scaricabarile l’atteggiamento del sindaco Brogi, che ha “rassicurato” sulla ricollocazione degli studenti, comunque problematica, e subito dopo ha addirittura reclamato l’intervento in emergenza del Prefetto! Il suo partito ha scritto poi che sarebbe pericoloso l’inserimento di troppi extracomunitari, quando si tratta soltanto di nuclei familiari numerosi. Tutto questo, ancora una volta, ha denotato l’inefficiente risposta a bisogni di cittadini che, se fossero stati di qualunque altra nazionalità, avrebbero ricevuto la stessa carente risposta in termini di posti in aula e di garanzia dei diritti scolastici. Le famiglie da poco insediate in via Rospicciano sono costrette a mandare i figli a scuola a Pisa, che dista da Ponsacco 25 chilometri, fino alla fine dell’anno scolastico, sperando che nel frattempo qualcosa davvero si muova".

"Rimane per noi un ultimo interrogativo - ha chiarito Russo - Come mai nessuna forza politica di maggioranza o di opposizione ha risposto all’invito del consigliere Russo, fatto e verbalizzato nella commissione consiliare del 27 gennaio alla presenza del sindaco Brogi, a presenziare all’incontro con le famiglie del giorno seguente, proprio per dare maggiore forza ad una risposta istituzionale e condivisa ad una richiesta che riguarda i più elementari diritti della persona? Gradiremmo avere un confronto diretto sul piano politico in ordine alle vicende di interesse della comunità e non scendere sul piano delle offese personali, soltanto perché l’opposizione svolge correttamente ed onestamente il proprio compito".

"Ribadiamo - ha concluso l'esponente di Ponsacco la città di tutti - che non permetteremo che altre ingiurie e gravissime offese pronunciate attraverso l’uso diffuso degli organi di informazione intralci la nostra azione politica e metta a repentaglio la nostra reputazione personale e professionale. Perciò ci riserviamo ogni azione a tutela da intraprendere nei confronti di tutti coloro che hanno agito o concorso con scritti diretti a ledere l’onore delle nostre persone e delle nostre famiglie".

LISTA CIVICA “PONSACCO LA CITTA’ DI TUTTI”

Roberto Russo - Capogruppo

Giuseppe Ruggiero – Presidente della Lista  



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Attualità