QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Attualità giovedì 17 maggio 2018 ore 12:45

Palla in rete, Bellaria Solidarietà ne fa 13

Nel weekend la festa di sport dedicata al disagio psicosociale, legata quest'anno al 40esimo anniversario dell'approvazione della legge Basaglia



PONTEDERA — Lo sport come terapia per le persone affette da disagio psico-sociale è una scommessa vinta, almeno a Pontedera, grazie alla disponibilità degli impianti della Bellaria Cappuccini, al coinvolgimento della Usl Toscana Nord Ovest, delle società sportive e di numerosi volontari. Un impegno quotidiano che va ormai avanti da 13 anni, quello di Bellaria Solidarietà, che trova il suo coronamento annuale nella festa "Palla in rete", quest'anno in programma nel weekend, dal 18 al 20 maggio.

"Domenica sera saremo sfatti ma con un sorriso grande così - ha commentato Christian Martini, educatore della coop Paim e socio di Bellaria Solidarietà -, perché è anche la nostra festa, punto di arrivo di un lavoro quotidiano che regala soddisfazioni immense, iniziato tredici anni fa con una partitella contro l'associazione carabinieri".

La manifestazione, presentata nei giorni scorsi in municipio, inizia in realtà oggi al centro Sete Sois Sete Luas, con un corso promosso dall'Università di Pisa per operatori sociosanitari, legato al tema della legge Basaglia e alle ultime tecniche di stimolazione cognitiva, con laboratori di percorsi sportivi, artistici e di lavoro in cooperativa.

Da domani la festa vera e propria, con circa mille persone attese in tre giorni agli impianti della Bellaria, grazie anche al coinvolgimento di numerose associazioni a cominciare da quelle sportive: Csi e Uisp, l'Oltrera per il calcio, la Juve Pontedera per il basket, Schermabilità per la scherma, gli Arcieri di Sacco per il tiro con l'arco e, ovviamente, l'Asd Bellaria Cappuccini

Venerdì 18 mattina previste attività di calcio a 5, zumba e ginnastica posturale. Al pomeriggio, dopo il pranzo, il triangolare della solidarietà di calcio a 8 fra le rappresentative di Bellaria, Rotary e Libera. In serata la festa della Bellaria Cappuccini. Sabato 19 attività di basket, tiro con l'arco e danza movimento terapia alla mattina, mentre nel pomeriggio il raggruppamento nazionale trust di rugby integrato. Domenica 20 sarà la volta della scherma, poi la grande festa di chiusura.

Alla presentazione di "Palla in rete" hanno partecipato Ramona Ninu, presidente di Bellaria Solidarietà, Piero Gino Vetturi, presidente della Bellaria Cappuccini, Giorgio Corretti, medico psichiatra della Asl e socio di Bellaria Solidarietà, il già citato Christian Maritini, il sindaco Simone Millozzi e gli assessori Marco Cecchi e Matteo Franconi

"Il bello di Palla in rete è che un'iniziativa che coinvolge tutta la Valdera - ha sottolineato Cecchi - e che fa uscire la disabilità psicosociale dai recinti propri e autoreferenziali, per un confronto aperto e diretto con il territorio".

"I risultati di Bellaria Solidarietà sono stati portati anche a convegni nazionali - ha aggiunto Corretti -: in alcuni dei casi più gravi si è arrivati alla riduzione fino al 90 per cento di ricoveri nel primo anno, all'annullamento dei Tso e alla riduzione del 90 per cento degli interventi d'urgenza. Lo sport aiuta davvero molto, sia perché è momento di aggregazione e insegna a fare squadra, sia perché ha la componente agonistica, che stimola a migliorarsi e insegna alla lealtà e al rispetto dell'avversario". 



Tag

Sardine, Conte: "Disponibile ad incontrarli se loro vogliono"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Attualità