Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTEDERA13°25°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Commesso eroe salva la collega dal rapinatore con la pistola puntata

Politica venerdì 22 marzo 2024 ore 15:00

Ecco Denise Ciampi, "Unica donna per una lista davvero a sinistra"

La presentazione di Pontedera A Sinistra e Denise Ciampi

L'alleanza di Rifondazione e Sinistra Italiana si presenta con un paio di candidature di peso: capolista sarà Giovanni Forte, presente anche Ciabatti



PONTEDERA — In primo piano la pace e l'ambiente, contro la base militare diffusa e contro lottizzazioni e l'ulteriore consumo di suolo. Sono questi i due binari su cui viaggia Pontedera A Sinistra, la lista politica - come ci tengono a ribadire i suoi componenti - messa in campo da Rifondazione Comunista e da Sinistra Italiana e che avrà l'unica candidata donna alla carica di sindaco: Denise Ciampi.

"Non siamo una lista civica, ma alcuni candidati provengono anche dalla società civile, oltreché dai due partiti di riferimento - ha detto il coordinatore del circolo Valdera e Valdicecina di Sinistra Italiana, Gianni Ferdani - la nostra è una forza marcatamente a sinistra, che ha nel suo stesso simbolo il tema della pace, fondamentale in questo periodo tragico. La lista è aperta e inclusiva: vogliamo dare un'alternativa credibile all'elettorato disilluso e sfiduciato dall'attuale offerta politica".

"Nel simbolo non ci sono riferimenti anche identitari a cui teniamo molto, ma è il nostro modo per essere maggiormente inclusivi - ha specificato Danielle Vangieri, segretaria di Rifondazione Comunista di Pontedera - l'asse di valori su cui ci siamo ritrovati è quello della pace, della lotta al cambiamento climatico, dell'economia circolare e, soprattutto, dell'ambiente: basta con il consumo del suolo e con le lottizzazioni".

Gianni Ferdani, Denise Ciampi e Giovanni Forte

Tutti i nomi della lista non sono stati svelati, anche se assicurano dalle parti di Pontedera A Sinistra che vi è una certa abbondanza. Alcuni, però, si sono fatti avanti: a cominciare dal capolista, Giovanni Forte, già direttore generale dell'Unione Valdera e funzionario al Comune di Pontedera. "Ho scelto di aderire perché questa è una proposta forte - ha spiegato -. siamo in un momento di svolta: di fronte alla guerra e a diseguaglianze enormi, ciò che si chiede a un'amministrazione è di puntare a un futuro diverso. Certe istanze, però, vengono sottaciute. Anzi, in Comune non c'è affatto un bel clima, e anche sulla gestione del personale abbiamo idee diverse".

Insieme a lui anche Claudio Ciabatti, presidente della Pubblica Assistenza, e Virgilio Ruggiero, già militante tra le fila del Movimento 5 Stelle. A dare il suo in bocca al lupo alla "propria" candidata anche Giovanni Bruno, segretario provinciale di Rifondazione Comunista. "Questo è un laboratorio politico per tentare di ricostruire una sinistra plurale - ha commentato - a Pontedera la maggioranza di centrosinistra ha perso pezzi perché il Partito Democratico e il sindaco sul Keu e sul tema della pace il sindaco si sono allineati alla Regione".

"La nostra lista ha da subito avvertito la necessità di trovare dei punti d'incontro con la società civile e quei movimenti che stanno portando avanti un grande lavoro sui temi - ha detto la candidata sindaca, Ciampi - penso al Movimento No Base, ma anche a quelle associazioni che dicono no al consumo di suolo: a Novembre scorso abbiamo visto cosa comporta la continua cementificazione, ribadita anche in progetti recenti come quello del recupero dell'ex Ipsia. Servono spazi di socialità e spazi verdi, non cemento".

Ciampi, Forte e Danielle Vangieri

"Altro tema fondamentale è la gestione dei rifiuti - ha aggiunto Ciampi - nelle nostre zone, da Legoli a Chianni passando sino a Gello, le discariche hanno un'attività molto diffusa: riteniamo che sia eccessivo che la Valdera, che rappresenta il 5% del territorio regionale, debba gestire il 50% della produzione dei rifiuti della Toscana. La nostra azione, come riferimento strategico, ha quello dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, per lo sviluppo sostenibile". 

E per il voto, l'entusiasmo non sembra mancare. "Ci hanno contattato in tanti e tante, evidentemente abbiamo toccato dei temi che interessano le persone - ha concluso Ferdani - se andremo al ballottaggio? Certo, ci andremo noi: a quel punto, chiederemo al centrosinistra di appoggiarci".

Pietro Mattonai
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Oggi, a Bientina e Ponsacco, i funerali dei due amici che hanno perso la vita nell'incidente all'aviosuperficie. Avevano 41 e 59 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca