QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°15° 
Domani 11°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Politica giovedì 09 marzo 2017 ore 12:30

Vicenda Corte dei Conti, parla Tognetti

Fabio Roberto Tognetti

Il segretario del Pd di Pontedera commenta il caso: "Da un lato si apprezza il modello dell'Unione, dall'altro si colpisce i risultati dei risparmi"



PONTEDERA — "Da un lato si è più volte dichiarato apprezzamento per un modello, quello dell’Unione dei Comuni, capace di generare potenziali risparmi e maggiori efficienze. Dall’altro, tuttavia, si vanno a colpire i risultati di questi risparmi, quasi come se questi ultimi dovessero rimanere meri numeri sulla carta e non trasformarsi in migliori servizi per la cittadinanza". Sulla vicenda della contestazione della Corte dei Conti al Comune di Pontedera interviene anche il segretario del Pd locale Fabio Roberto Tognetti che sposta l'attenzione, oltre che sugli stipendi di sindaco e assessori a rischio o sulle sanzioni amministrative, anche sulla "credibilità di un intero sistema".

"E’ paradossale - commenta in una nota stampa il segretario Pd - come per anni, nel nostro Paese, siano stati tollerati o ignorati sprechi e inefficienze di ogni tipo e poi si sia passati in maniera schizofrenica al più ferreo e cieco controllo, che colpisce indistintamente chi opera negli interessi della propria comunità e chi, invece, se ne disinteressa e spreca risorse per i fini più disparati".

E ancora: "Se la sentenza finale confermerà tale interpretazione verrà certificata quella che da tempo è una tendenza in atto, un fenomeno assai più preoccupante del singolo caso e delle sue seppur dure conseguenze. Infatti, a fronte di un impegno sempre più grave caratterizzato dalla molteplicità e complessità delle questioni che investono le nostre amministrazioni in un contesto che vede messe a disposizione meno risorse e meno capitali, una selva di norme e regolamenti che, de facto, ostacolano qualunque tentativo di innovazione e comunità esigenti, afflitte da problematiche connesse alla difficile situazione economica, può la Politica - di qualunque colore e sensibilità, in generale e non solo a Pontedera - continuare a garantire la dedizione e l’interesse delle sue risorse migliori per la gestione della cosa pubblica?".

"Questa vicenda - conclude Tognetti - rischia di confermare amaramente come di questi tempi fare l’amministratore locale nel nostro Paese sia o una forma di patologico autolesionismo o, diversamente, la manifestazione di un amore quasi incondizionato nei confronti del proprio territorio e delle proprie comunità. Da cittadini dovremmo tenerne sempre conto e rispettare chi si è aggravato le spalle di tale impegno, anche quando si sta per salire le scale del Comune o si maneggiano gli strumenti informatici".



Tag

Mes, Di Maio: «Nessuno scontro con Conte»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità