comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:PONTEDERA19°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 21 ottobre 2020
corriere tv
Pregliasco: «La situazione in Lombardia è esplosiva»

Attualità lunedì 27 luglio 2020 ore 11:45

Strage della famiglia Petri, il giorno del ricordo

Filippi, Taccola, Bigi e Franchi alla commemorazione della strage dei fratelli Petri

Partecipazione e commozione alla commemorazione della strage della famiglia Petri, avvenuta per mano nazifascista nel luglio del '44



VICOPISANO — Partecipazione e commozione sabato pomeriggio, alla commemorazione della strage della famiglia Petri, al cippo di Vicopisano, organizzata dall'Amministrazione Comunale, che ricorda Gino, Alberto e Giulio come "martiri della libertà". Il violino del Maestro Enrico Bernini e le letture di Simone Cassandra di Teatro Inbìliko hanno accompagnato e reso più coinvolgente la cerimonia a cui hanno preso parte Anpi Vicopisano, presente con le delegazioni di Calci e Cascina, il suo presidente Pasquale Popolizio, e Anna Bigi, figlia di Maria Cervi e nipote di Antenore Cervi, uno dei sette fratelli trucidati dai fascisti, che anche quest’anno è venuta a rafforzare la relazione con la famiglia Petri e quella dell’Istituto Alcide Cervi con il Comune.

Piero Perfetto Petri

Era presente, come ogni anno, Piero Perfetto Petri, che aveva solo 14 anni quando fucilarono suo padre e i suoi fratelli e che nella sua testimonianza di quel tragico 25 luglio 1944, riportata sulla targa vicino al cippo, scrive “quel giorno finì la mia gioventù”.

Fabiola Franchi

L’assessora Fabiola Franchi ha letto la testimonianza di Petri e ha poi deposto tre rose rosse al cippo: “Un simbolo del sangue versato e dell’amore e della passione per la libertà, la pace e la democrazia della Famiglia Petri".

Il vicesindaco Andrea Taccola, con delega alla Memoria, ha ricordato i Petri e il grande attaccamento che la comunità ha per questa famiglia come simbolo e ispirazione di tutto ciò che l’Amministrazione ha fatto e farà, proprio per la Memoria. "Ci tengo ad anticipare una cosa importante - ha detto il Vicesindaco - l’intitolazione, entro fine anno, di un tratto di pista ciclopedonale a Uliveto Terme a Italo Geloni, ex deportato politico a Dachau e a Mauthausen, che tanto ha dato alle nuove generazioni con i pellegrinaggi di Aned ai campi di sterminio di Austria e Germania e i cui figli, Paolo e Laura, continuano la sua opera straordinaria di testimonianza e costruzione di consapevolezza".

"Facendo Memoria, contro l’indifferenza - ha aggiunto l'assessore alle Politiche Giovanili Juri Filippi - non si può non rivolgersi ai più giovani e sono felice ce ne siano tanti." 

Riprendendo la lettura “Odio gli indifferenti” di Antonio Gramsci, fatta da Cassandra, Filippi ha sottolineato, tra l’altro, sia la necessità che i giovani partecipino alla cosa pubblica e vivano con impegno il loro tempo sia l’importanza che l’Amministrazione, insieme ad ANPI Vicopisano e all’associazione Festa Medievale di Vicopisano, riesca a far andare sempre più studenti e studentesse ai pellegrinaggi di Aned. "Perché vedere quei luoghi, vivere lì la Memoria è imprescindibile per la conoscenza", ha concluso l'assessore.

Anna Bigi, introdotta da una poesia di Gianni Rodari dedicata ai Fratelli Cervi, letta sempre da Cassandra, prima di parlare dell’origine storica della pastasciutta dei Fratelli Cervi, evento svoltosi ieri sera al Circolo Arci L'Ortaccio, si è rivolta a Petri, da testimone a testimone, da chi sa che la Memoria è tanto un dovere quanto un peso: “Immagino che starà rivivendo ogni attimo, ogni istante, di quel giorno, di quei mesi, prima di ritrovare i suoi familiari in una fossa comune, ma siamo la ‘prova’ che la sofferenza è anche progetto e che la memoria è soprattutto futuro”.

Enrico Bernini

La commemorazione si è conclusa lasciando liberare tutte le emozioni nell’arte.
Cassandra di Teatro InBìliko ha interpretato “Lo avrai Camerata Kesserling", di Pietro Calamandrei e dopo le note del violino del Maestro Bernini hanno regalato una splendida versione di Bella Ciao, durata a lungo.

Simone Cassandra



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Imprese & Professioni