Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA21°35°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Politica giovedì 02 dicembre 2021 ore 18:00

Caos tra i sindaci sulla discarica della Grillaia

La discarica della Grillaia (foto di repertorio)

Tarrini si espone e chiede di smetterla coi personalismi, Barbafieri e Bini replicano seccamente. Il fronte dei tre Comuni si sfalda definitivamente



CHIANNI — Giornata di polemiche tra i tre Comuni limitrofi alla discarica della Grillaia. Il fronte tra Chianni, Lajatico e Terricciola, infatti, sembra essersi rotto definitivamente. Il primo a farsi avanti è Giacomo Tarrini, sindaco di Chianni, che dice basta a personalismi e "giochini politici". La risposta congiunta di Alessio Barbafieri e di Mirko Bini è netta: decida da che parte stare.

Tutto comincia con la presa di posizione di Tarrini. "In questi sette anni, l’amministrazione di Chianni ha sempre coinvolto Terricciola e Lajatico con l’obiettivo di affrontare il problema per giungere a una soluzione - ha detto il sindaco chiannerino - tutto è filato liscio fino al 25 Maggio 2020, quando sono iniziati i personalismi, le false aspettative e voltafaccia inspiegabili, fino ad arrivare a vedere esclusa Chianni da situazioni anche solamente celebrative".

Per Tarrini, dopo l'adozione della delibera della Giunta regionale in merito, è cambiato tutto. "A seguito di quell'atto, che autorizza la messa in sicurezza e chiusura del sito attraverso il conferimento di 270mila metri cubi di eternit, abbiamo lavorato con l’obiettivo di valutare soluzioni alternative - ha continuato - in quanto, ahinoi, titolari del problema, abbiamo affrontato con determinazione ogni ipotesi che potesse condurre a soluzioni meno impattanti".

"Recentemente, inoltre, abbiamo appreso che il Tar Toscana, investito di un ricorso sul tema, ha rimandato la discussione a Marzo 2022, senza adottare provvedimenti sospensivi e, di fatto, lasciando libera la proprietà di eseguire il progetto - ha aggiunto Tarrini - infatti, la società Nsa comunica di aver pressoché ultimati i lavori propedeutici al conferimento autorizzato con delibera".

Per il sindaco di Chianni, la situazione non può più prolungarsi. "Già a Marzo scorso abbiamo dichiarato di concentrarci sull’obiettivo di tutelare la salute pubblica e il territorio e, allo stesso tempo, di impegnare la Regione a non concedere nessun tipo di ampliamento futuro - ha proseguito - lo strumento ritenuto idoneo per far questo, inizialmente condiviso con l’assessore regionale Monia Monni, è il protocollo di trasparenza che necessita della firma dei tre Comuni, della Regione e della proprietà. Lajatico e Terricciola, però, non hanno dato alcuna risposta in merito". 

Chiamati in causa, Barbafieri e Bini hanno risposto insieme. "Tarrini chiarisce la sua intenzione di andare avanti col progetto autorizzato e ci verrebbe da dire “finalmente”, visto che a oggi non si è mai capito in che direzione volesse andare - hanno replicato - a tal proposito, dovrebbe spiegare meglio perché sia Lajatico che Terricciola, che hanno sempre tenuto aperto il confronto, non hanno voluto proseguire: ci ha più volte contattato per chiederci di sottoscrivere un accordo con il gestore attuale dell’impianto nel quale si garantisse un intervento maggiore dei Comuni sui controlli ambientali. A proposito di “giochetti”, Tarrini dovrebbe sapere che questo è competenza dell’Arpat, della Usl e della Regione. Proporre di far parte di una commissione per il controllo ambientale e sanitario è una falsificazione strumentale".

"Il problema è chiarissimo ed è tutto politico: il sindaco di Chianni, che per anni è si è detto contro qualsiasi conferimento di rifiuti, dica oggi se è d’accordo o meno su un progetto che prevede un impatto molto più contenuto - hanno continuato - o preferisce piuttosto il progetto Giusti-Vergero con 270mila metri cubi di amianto? Al momento ha tergiversato, sostenendo di ritenere auspicabile la proposta, ma allo stesso tempo si è limitato a screditarla".

Per Tarrini, però, la questione non è così lineare. "Dal 12 Ottobre, data in cui il sindaco Barbafieri ha accennato alla proposta che vedeva il coinvolgimento della Belvedere, sono passati quasi due mesi e non c'è stata nessuna novità. Abbiamo anche invitato nuovamente i sindaci a confrontarci sul contenuto della soluzione, ma ci è stato risposto che non intendevano procedere nella discussione. Allo stesso modo, nessuna notizia è arrivata dall’assemblea tenutasi lo scorso 23 Ottobre, indetta per illustrare il progetto alternativo da parte dei soggetti promotori, ovvero i consiglieri regionali del territorio che, invece, non si sono neppure presentati - ha chiarito - a oggi non ci risulta sia stata fatta neanche una chiamata alla società Nsa per avere un appuntamento".

"L’amministrazione di Chianni, a fronte di scrupolose valutazioni, procederà verso la linea preannunciata, concentrando le proprie attenzioni sulla salute pubblica e sulla tutela del territorio - ha concluso Tarrini - attraverso tutti gli strumenti concreti che ha a disposizione". 

"Se ha deciso di stare dalla parte della proprietà lo dica e non cerchi in altri la responsabilità. Non è stato lasciato solo, ma ha semplicemente deciso di seguire strade diverse dalla ricerca di un'alternativa - hanno chiuso invece Barbafieri e Bini - il nostro atteggiamento rimane collaborativo: se Chianni quest’anno non ha avuto un aumento della tassa sui rifiuti per le famiglie è merito anche del nostro interessamento, improntato a trovare soluzioni. Se vuole fare squadra la porta è e rimarrà aperta, ma deve dire con chiarezza da che parte sta".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con un'ordinanza l'amministrazione ha limitato l'accesso all'area: a preoccupare è il degrado delle coperture, che si è esteso nel tempo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Eleonora Franchi

Domenica 07 Agosto 2022
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

Cronaca