comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 23°36° 
Domani 23°37° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 08 agosto 2020
corriere tv
Il ballo dei marinai dopo il giuramento

Politica sabato 30 novembre 2019 ore 10:30

Cittadinanza Segre, "Dispiace mancata unanimità"

Lo dice l'Anpi, sezione di Pontedera, rimarcando come la decisione del consiglio comunale non sia avvenuta "Nella totale unanimità"



PONTEDERA — "Nel ringraziare il Consiglio Comunale di Pontedera per aver voluto conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre,l'Anpi di Pontedera si duole che la cosa non sia avvenuta nella totale unanimità dei consiglieri e dell' aver cercato, di accomunare forzosamente, in un’operazione di chiara semplificazione e contrapposizione ideologica l’immane e unica tragedia dell’Olocausto ai pur deplorevoli fatti delle foibe rispetto ai quali,sosteniamo che la vicenda vada affrontata senza alcuna ambiguità, contestualizzando i fatti".

Lo dice l'Anpi, sezione di Pontedera, in riferimento al voto avvenuto ieri in Consiglio Comunale e alla proposta presentata nei giorni scorsi da Fdi per conferire la cittadinanza onoraria a Segre e a Egea Haffner.

"La vicenda delle foibe così come quella degli esuli ha molti risvolti ancora da chiarire, sull’olocausto e la pianificazione nazista con l’appoggio dei fascisti italiani le questioni sono molto chiare", dice ancora l'associazione partigiana, che aggiunge:

"Il minimo che possa fare una pubblica amministrazione è dare un segno tangibile di vicinanza alla senatrice Liliana Segre, per ciò che rappresenta, per ciò che fa e che costringe, lei, una donna di 89 anni, sopravvissuta all'Olocausto, ad essere protetta da due Carabinieri per la sua attività pubblica a causa delle minacce ricevute. La senatrice a vita porta sulla sua pelle marcati in modo indelebile i segni della folle ideologia nazista e dei suoi complici fascisti. Di queste ore la scoperta di un nuovo gruppo nazista che voleva, tra le altre cose, intimidire anche l’ANPI con un attentato a una delle sue sedi".

L’ ANPI ringrazia il consiglio comunale per aver inoltre voluto "Riconfermare il valore del protocollo del 2018 tra Regione Toscana, ANPI, ANED, ARCI e Istituti Storici della resistenza per il comune impegno contro gli atti di apologia di fascismo, di discriminazione razziale, di istigazione e di propaganda razzista".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità