Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:24 METEO:PONTEDERA19°32°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 15 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Attualità martedì 08 marzo 2022 ore 10:25

La Fondazione Charlie Onlus si rinnova

La realtà nata più di 30 anni fa per dare sostegno agli adolescenti presenterà il suo nuovo comitato scientifico, con nomi di alto profilo



PONTEDERA — Da 30 anni in prima linea per assistere e dare sostegno ai ragazzi e agli adolescenti, la Fondazione Charlie Onlus rinnoverà il proprio comitato scientifico. Un cambio che, per la realtà nata a Pontedera nel 1990 per potenziare e promuovere il numero verde Charlie Telefono Amico, vuol dare nuovo slancio all’attività.

I nomi che entrano a far parte del nuovo comitato scientifico, proprio per voler estendere l’azione della Fondazione in modo ancor più capillare, hanno un grande rilievo. Tra questi ci sono Giorgio De Rita, segretario generale del Censis; Luigi Zoja, psicoanalista e sociologo di fama mondiale, i cui saggi sono stati tradotti in tutto il mondo; Stefano Casini Benvenuti, economista e dal 2011 direttore dell’Istituto regionale per la programmazione economica della Toscana.

E ancora, Alessandro Amadori, psicologo, direttore del dipartimento ricerche psicologiche dell'Istituto Piepoli ed ex consigliere per l’analisi politica e sociale della vicepresidenza del Consiglio dei ministri; Manuela Roncella, direttrice del Centro clinico di senologia dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana e componente del Consiglio superiore di sanità.

"Desidero ringraziare chi ha fatto parte fino ad oggi del comitato scientifico e questi grandissimi esperti per la preziosa disponibilità che hanno rivolto a Charlie – ha commentato il presidente Angelo Migliarini - è segno che la Fondazione e il suo Telefono Amico, in questi 30 anni, hanno acquisito davvero un grande rilievo nello studio dei problemi, delle disuguaglianze e delle inquietudini che attraversano la nostra società, tra gli adolescenti e non solo, nell'ascolto delle persone più fragili e nella promozione di iniziative pubbliche di sensibilizzazione".

"Vista l'estrema delicatezza della fase attuale, tra le conseguenze della pandemia e con l'estrema incertezza economica, ci sarà ancora più bisogno di questo tipo di attività e di iniziative - ha concluso - sono certo che il nuovo comitato scientifico saprà fornire competenze, idee e strategie per essere sempre più all'altezza delle sfide del nostro tempo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Elettricista con la musica nel sangue, suonava la tastiera e la fisarmonica. Una passione che l'ha portato a esibirsi in tutta la Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità