Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:25 METEO:PONTEDERA15°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 08 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Meghan da Oprah: «Mi vergognavo a dirlo, ma non volevo più essere viva»

Cultura lunedì 01 dicembre 2014 ore 17:23

Dai fornelli a Dostoevskij

Claudio Selva, 31 anni
Claudio Selva, 31 anni

Claudio Selva dieci anni fa era chef in un ristorante della costa: "Stare in cucina non mi piaceva così ho mollato tutto e ho iniziato a scrivere"



PECCIOLI — Ha iniziato a leggere a quattro anni e pochi mesi fa ha pubblicato il primo romanzo, intitolato Y. Claudio Selva, 31 anni, nato a Pisa, faceva lo chef in un ristorante a pochi metri dal mare, guadagnava bene ma non era felice a stare dieci, dodici ore in cucina, così ha abbandonato pentole e padelle per fare lo scrittore: “Era il 2003 – racconta - avevo vent'anni e uno stipendio di quasi 1500 euro al mese, ero uscito da qualche mese dall'istituto alberghiero di Pisa e avevo trovato lavoro in un ristorante sulla costa, in provincia di Livorno. Prima aiuto cuoco, poi chef. Ma non mi piaceva così mi licenziai e subito dopo mi iscrissi a filosofia. Penso di essere uno dei pochi ad aver fatto l'alberghiero e poi filosofia”.

Dieci anni di studi, viaggi e lavori saltuari fino alla nascita di Y, il suo primo libro: “Fino a 18 anni ho vissuto a Fabbrica di Peccioli – dice - poi sono stato a Pisa, Donoratico, Calcinaia, Castagno d'Andrea, Venezia, Leicester e Firenze. Ho fatto tutti i lavori che mi capitavano tranne il cuoco perché nel frattempo sono diventato vegetariano. Y è un romanzo che unisce ricordi, sogni, fantasie erotiche, persone che ho conosciuto e allucinazioni. Da quello che mi dice la gente che lo ha letto si presta a varie interpretazioni”.

Il percorso per arrivare al primo libro è stato lungo, così come difficile è fare lo scrittore in Italia: “Da piccolo ero fissato coi libri – rivela - quando avevo quattro anni i miei non ne potevano più di leggermi le fiabe ogni giorno, così mi insegnarono a farlo da solo. Iniziai subito a leggere tutto quello che trovavo, romanzi di avventura, gli Urania di mio padre, un vocabolario e un'enciclopedia illustrata di quindici volumi. Ma la passione, il desiderio di scrivere l'ho scoperto davvero a quindici anni, dopo aver letto Memorie dal sottosuolo di Fedor Dostoevskij. Oggi lavoro per un'associazione che si chiama Studio Nuit e offre servizi letterari. Correggiamo bozze, scriviamo prefazioni, aiutiamo giovani scrittori a cercare editori non a pagamento, facciamo concorsi”. Tante attività anche se guadagnarsi da vivere non è facile: “Per adesso non posso certo dire che mi mantengo con la scrittura. Quello che il pubblico non sa è che per esempio il vincitore del premio Strega vende in genere ventimila copie, oppure che uno scrittore può diventare famoso a livello nazionale (e va ospite in qualche trasmissione televisiva) quando un suo libro vende cinquemila, diecimila copie. Aggiungendo che lo scrittore guadagna tra il 7% e il 15% del prezzo di copertina si ha un quadro più chiaro: vivere facendo lo scrittore è difficile. Ma è una situazione simile al passato, Italo Svevo, nonostante la stima di James Joyce, lavorava nell'azienda di vernici del suocero. Y è pubblicato con la casa editricice I sognatori. Ho fatto diverse presentazioni, a Viareggio, Pisa, Firenze, Siena. Per adesso il libro sta andando bene, abbiamo venduto qualche centinaio di copie e siamo alla seconda ristampa”.

Intanto per chi vuole conoscere Claudio Selva e vuole ascoltare estratti di Y la prossima presentazione è a Firenze, venerdì 5 dicembre alle 18,30 al Mug, dietro piazza Santa Croce.

«Sembra incredibile, ma per quanto ti sforzi di guardare la pagina, di guardarla come se fosse piena di segni incomprensibili o anche solo di segni, non riesci a non-leggere. Lo puoi fare con una pagina scritta in cirillico o in arabo, se non sai l’arabo e il cirillico, ma con un alfabeto che conosci no, non ce la fai…» (Y, I sognatori, 2014, Claudio Selva)

René Pierotti
© Riproduzione riservata

Un'intervista doppia con Claudio Selva e un altro giovane scrittore, Filippo Bernardeschi
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Cronaca

Cronaca