QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°24° 
Domani 15°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 28 maggio 2017

RACCONTARE DI GUSTO — il Blog di Rubina Rovini

Rubina Rovini

Sono cresciuta in Toscana con mamma pugliese, amante della buona tavola e dei piatti tipici della tradizione. E' stata lei che mi ha insegnato, insieme a mia nonna, i segreti e le ricette a cui sono affettivamente più legata. Scrive di cucina dal 2006, ex ballerina classica e patita del fitness, ha partecipato a MasterChef 2015-16

Cheesecake salato al gorgonzola con gelatina al vino e Granny Smith

di Rubina Rovini - venerdì 09 maggio 2014 ore 08:00

Ero entrata in possesso della mia nuova casetta (più una stanza che una casa) da neanche una settimana. Un bilocale all’interno di un terratetto composto da 3 appartamenti, in tipico stile rustico toscano, a due passi da lavoro perché, visto che non avevo preferenze di zona, avevo scelto almeno che fosse vicinissimo all’ufficio, per approfittare di qualche minuto di sonno in più.

Una casa piccola, con travi e travicelli a vista, già arredata per limitare gli acquisti, visto che era una sistemazione provvisoria, molto curata e funzionale, perfetta per una single. I primi tre giorni volarono, con l’aiuto di Penny, Lucia e Fra, passati a rassettare, trasportare scatoloni e cercare di far entrare nell’armadio le decine e decine di paia di scarpe, nel poco spazio che la nuova casa offriva. Non avevo idea di possedere un numero così imbarazzante di scarpe e sandali. Me lo fecero notare le amiche, che non perdevano occasione per prendermi in giro, mentre mi aiutavano a trasportare su per le scale un numero imprecisato di scatoloni.

Mi ricordarono infatti di uno dei miei ultimi acquisti, che vantai loro come un “affarone” perché invece di averle prese a prezzo pieno, quelle nuove calzature, avevo approfittato dei saldi, pagandole “solamente” quanto una polizza RC auto di un’utilitaria. Una follia, che solo una donna può capire… Ma quelle scarpe mi servivano proprio!Una volta terminato il tour de force e sistemate tutte le mie cose in ogni angolo fruibile della casa (perché effettivamente i metri quadri erano veramente troppo pochi per tutti gli oggetti più o meno inutili che possiedo), arrivò il turno dei colleghi, perché mancavano quei lavoretti di casa che di solito si dilettano a fare i maschietti (parte elettrica, idraulica, ecc…).

Riuscii a distogliere Dario e Gianluca dalla loro abitudinaria e monotona domenica a base di pantofole, tuta oversize, telecomando incollato alla mano destra (avendo avuto cura di mettere le pile nuove prima del calcio d’inizio), sigaretta nella mano sinistra e TV accese (tutte quelle disponibili in casa) per seguire il maggior numero di partite della fascia pomeridiana. Contemporaneamente.

Giuro che se mai condividerò ancora una casa con una di queste bestioline in pantofole, mi premunirò di strappare via il numero 2 dal telecomando di Sky, visto che dal 200 in poi sono solo partite di calcio!

Ovviamente per riuscire ad ottenere il loro aiuto nel giorno più importante della settimana (la domenica), dovetti barattare con una cena, dando loro anche la possibilità di scegliere anche il menù.

I ragazzi non ebbero molta clemenza nelle richieste: il palato raffinato di Dario chiese una cena a base di crostacei, mentre quello più rustico di Gianluca volle un barattolo intero di maionese fatta in casa e un cheesecake. Le ragazze furono molto più clementi e non avanzarono alcuna pretesa.

Cercai di accontentare tutti, e ne risultò davvero una bella serata ed ecco cosa ne derivò:

Cheesecake salato al gorgonzola con gelatina al vino e Granny Smith:

Per la gelatina:

  • 4 mele Granny Smith
  • 500 gr zucchero
  • 700 gr vino rosso
  • ½ limone spremuto
  • 7 fogli di gelatina 

Per il cheesecake:

  • 1 foglio di gelatina
  • 110 gr fette Wasa Fibres (si trovano al supermercato)
  • 40 gr noci sgusciate
  • 70 gr burro fuso
  • 200 gr ricotta di pecora
  • 200 gr gorgonzola piccante
  • Sale qb
  • Pepe qb 
  • 3 cucchiai di latte
  • 4 gherigli di noce per decorare
  • 1/2 mela verde 


Sbucciate le mele e tagliatele a fette sottili, mescolandole in una ciotola con il mezzo limone spremuto.Versate in una casseruola il vino e lo zucchero e fate cuocere.Appena raggiungerà il bollore aggiungete le mele e fate cuocere per circa 45 minuti.Intanto mettete 7 fogli di gelatina a bagno in una ciotola con dell’acqua.Quando il vino si sarà ritirato almeno della metà spegnete il fuoco e lasciate riposare.Intanto procedete con la preparazione del cheesecake.

Frullate le fette Wasa (ma potete sostituire con delle fette biscottate e crackers in proporzioni a piacere) e le noci finché non le avrete ridotte in polvere, versatele in una ciotola e mescolate con il burro, finché non avrete un composto a briciole.Foderate una teglia tonda e a cerniera, di 20 cm di diametro, con della carta forno. Versate il composto e livellate con il dorso di un cucchiaio, finché non sarà ben pressato e liscio in superficie. In alternativa potete comporre la torta salata in coppapasta monoporzione, direttamente nei piatti o suun vassoio ricoperto con della carta forno. Appoggiate la base in frigo mentre proseguite con la preparazione.Mescolate con l’aiuto di un frullatore ad immersione o di un mixer la ricotta, il gorgonzola, il sale, pepe, fino ad ottenere una crema.Sciogliete l’ultimo foglio di gelatina in 3 cucchiai di latte tiepido e versatela all’interno dei formaggi. Tirate fuori dal frigo la teglia e versate sopra la crema, livellandola. Riponete nuovamente al fresco.Riprendete il pentolino con all’interno il vino e le mele cotte, aggiungete i fogli di gelatina e mescolate energicamente, avendo cura di scioglierla bene. Versate delicatamente la gelatina non troppo calda sopra il formaggio e fate rassodare in frigo almeno 3 ore.Al momento di servire decorate il cheesecake con le mele e i gherigli di noce.

Rubina Rovini

Articoli dal Blog “Raccontare di Gusto” di Rubina Rovini