QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°24° 
Domani 15°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 28 maggio 2017

RACCONTARE DI GUSTO — il Blog di Rubina Rovini

Rubina Rovini

Sono cresciuta in Toscana con mamma pugliese, amante della buona tavola e dei piatti tipici della tradizione. E' stata lei che mi ha insegnato, insieme a mia nonna, i segreti e le ricette a cui sono affettivamente più legata. Scrive di cucina dal 2006, ex ballerina classica e patita del fitness, ha partecipato a MasterChef 2015-16

Mules au roquefort

di Rubina Rovini - venerdì 23 maggio 2014 ore 08:00

«Devi aiutarmi!».

A queste prime parole quasi urlate al telefono, pensai che mia madre stesse male, ma appena mi sentì allarmata, si affrettò a spiegarmi di cosa si trattava.

«Ho invitato a cena delle amiche coi loro mariti. E voglio fare bella figura!» - mi disse.

«E io cosa c’entro?» - provai ad obiettare. Ma prima ancora che finissi di parlare, lei chiuse la comunicazione, dopo aver risposto che stava vendendo a prendermi.

Sbuffando come una locomotiva, presi una big-bag e c’infilai dentro tutti gli attrezzi “del mestiere”, così da non trovarmi impreparata giocando “fuori casa”.

Durante il tragitto, ignorando completamente le decine di ipotesi gastronomiche che mia madre sciorinava in ordine casuale, mi misi a pensare a quali soluzioni adottare, anche considerando che avrei dovuto lavorare in emergenza (tempi ristrettissimi, con prodotti incerti e non scelti da me).

Arrivando nella sua cucina mi guardai attorno con l’aria del appassionato di rafting che studia il nuovo torrente e le sue rapide.

Rovistai nel frigorifero: aveva delle buonissime cozze, comprate la mattina dal pescivendolo e del roquefort, che lei adora.

Aprii i cassetti. Mia madre ha iniziato da non molto a cucinare pietanze diverse da quelle tradizionali, ma per preparare ciò che avevo in mente sarebbero bastati mestoli e padelle che aveva.

Frugai negli sportelli della dispensa. Dovetti accontentarmi di poco perché la sua faceva da cassa di risonanza se vi si parlava vicino, cercai quindi di fare a meno di alcuni ingredienti.

Trovai però il numero di ingredienti necessari a preparare la portata principale, che fece ben figurare la mia mamma agli occhi dei suoi invitati.

Ecco cosa preparai:

Mules au Roquefort

Ingredienti per 4 persone:

2.5 kg cozze

250 gr roquefort

50 gr panna fresca

2 cipolle bianche

1 bicchiere e 1/2 di vino bianco

prezzemolo qb

pepe qb

olio evo qb

Pulite le cozze raschiando il guscio con una retina metallica, sotto l'acqua corrente.

Strappate via anche il bisso, facendo attenzione a non romperlo dentro la cozza.

Sciacquatele sotto l'acqua corrente, mettetele in una ciotola coperta da un panno bagnato e strizzato e ponete in frigo.

Sbucciate e tagliate a striscioline finissime le cipolle, mettetele in una casseruola con un filo di olio e fatele dorare. Appena inizieranno a cambiare colore bagnatele con un bicchiere di vino bianco, abbassante la fiamma e fate cuocere per almeno mezz'ora, finché il vino non si sarà quasi completamente assorbito e le cipolle saranno morbidissime.

In una casseruola molto capiente inserite le cozze, il mezzo bicchiere di vino bianco rimasto e una macinata abbondante di pepe, fatele aprire a fuoco vivace per 5 minuti circa.

Filtrate l'acqua di cottura delle cozze e rimettetele nella casseruola, aggiungendo la cipolla cotta.

Nel pentolino in cui avete fatto cuocere le cipolle, inserite il roquefort tagliato a cubotti, la panna e fate scaldare a fiamma bassa. Aggiungete poco a poco l'acqua filtrata delle cozze, finché otterrete una crema.

Successivamente fate insaporire le cozze con le cipolle per un minuto a fiamma vivace, mescolando spesso, servitele in pentolini monoporzione e versatevi sopra, prima di coprire i recipienti, la crema al formaggio.

Una vera delizia, soprattutto se accompagnata da una baguette calda.

Rubina Rovini

Pulire le cozze - How to Clean Mussels

Articoli dal Blog “Raccontare di Gusto” di Rubina Rovini