Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA10°14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 04 dicembre 2022

FAUDA E BALAGAN — il Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

ALFREDO DE GIROLAMO - Dopo un lungo periodo di vita vissuta a Firenze in cui la passione politica è diventata lavoro, sono tornato a vivere a Pisa dove sono cresciuto tra “Pantere”, Fgci, federazione del partito e circoli Arci. Mi occupo di ambiente e Servizi Pubblici Locali a livello regionale e nazionale. Nella mia attività divulgativa ho pubblicato i libri Acqua in mente (2012), Servizi Pubblici Locali (2013), Gino Bartali e i Giusti toscani (2014), Riusi: da rifiuti a risorse! (2014), Giorgio Nissim, una vita al servizio del bene (2016), SosteniAMO l'energia (2018), Da Mogador a Firenze: i Caffaz, viaggio di una famiglia ebrea (2019). ENRICO CATASSI - Storico e criminologo mancato, scrivo reportage per diversi quotidiani online. Svolgo progetti di cooperazione internazionale nei Paesi in via di sviluppo. Curatore del libro In nome di (2007), sono contento di aver contribuito, in piccola parte, ad Hamas pace o guerra? (2005) e Non solo pane (2011). E, ovviamente, alla realizzazione di molte edizioni del Concerto di Natale a Betlemme e Gerusalemme. Gli autori insieme hanno curato i seguenti libri: Gerusalemme ultimo viaggio (2009), Kibbutz 3000 (2011), Israele 2013 (2013), Francesco in Terra Santa (2014). Voci da Israele (2015), Betlemme. La stella della Terra Santa nell'ombra del Medioriente (2017), How close to Bethlehem (2018), Netanyahu re senza trono (2019) e Il Signor Netanyahu (2021).

GB tra crisi economica, sociale e politica

di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi - domenica 21 agosto 2022 ore 19:00

C'era una volta la fiaba della Brexit raccontata da Boris Johnson, dove tutti sarebbero stati felici e contenti lontani dall'Ue. Il finale, reale, della favola del divorzio da Bruxelles purtroppo ha avuto un risveglio brusco e doloroso per i britannici. Mesi di disagi e non solo, in una storia tragicomica senza fine. Durante la quale il Regno Unito è definitivamente entrato nella crisi economica più nera degli ultimi 40 anni. Con il tasso di inflazione che a luglio ha raggiunto il 10,1%. 

A trainare l'aumento dei prezzi sono stati inevitabilmente energia e prodotti alimentari, lievitati oltre misura rispetto alle previsioni (+9,8%). E il peggio, secondo molti economisti, deve ancora venire. La profonda e prolungata recessione peserà nel prossimo inverno sulle spalle delle categorie più svantaggiate, che rischiano di sprofondare sotto la soglia di povertà. Per il Sistema Sanitario Nazionale (NHS) britannico l'arrivo del freddo costringerà le famiglie a scegliere tra il riscaldamento e il cibo in tavola. Case umide e gelide o pasti poco nutrienti potrebbero provocare la morte di 10mila persone. 

Una vera e propria “emergenza umanitaria” alle porte, che investirebbe in primis gli anziani, più esposti sul fronte della salute. Intanto, dalla prima settimana di settembre riparte la campagna di vaccinazione al Covid, con un nuovo booster che copre le ultime varianti del ceppo Omicron. Anticipata nella corsa, anche questa volta, l'Europa. Il tentativo è di correre ai ripari da una combinazione letale e insostenibile: influenza, pandemia, crisi energetica ed economica. 

Tempi duri quindi per i sudditi di Sua Maestà. Persino la tradizionale, e popolare, birra al pub sta diventando un lusso. A giugno nei locali londinesi il costo di una pinta ha sforato le 8 sterline (nel 2020 ne bastavano meno di 4). E nel 2025 potrebbe tranquillamente salire a 14 £, diventando un bene decisamente fuori mercato per tanti. 

Sul fronte politico il premier Johnson ha tirato i remi in barca, in attesa di passare la polpetta avvelenata al futuro inquilino di Downing street. Che con molta probabilità dovrebbe essere Liz Truss, favorita dai pronostici sull'ex cancelliere Rushi Sunak alla successione di Johnson. Nomina che è attesa il 5 settembre. Comunque vada, il prossimo primo ministro conservatore si troverà a gestire una fase complessa. Tanto per il paese quanto per il partito Tories, saldamente maggioranza in parlamento ma non nei sondaggi. Che lo relegano in caso di elezioni all'opposizione, dietro ad una eventuale alleanza tra laburisti di Keir Starmer e area lib-dem. 

Avvisaglie di un tracollo annunciato che ha causato l'allontanamento prematuro di Johnson, travolgendolo. Di quella congiura di palazzo Sunak resta uno dei principali animatori. Operazione di cesaricidio che tuttavia molti elettori di destra non sembrano aver compreso appieno. A settembre Truss o Sunak avranno le chiavi del partito della Thatcher e di Churchill, ma per essere leader c'è da togliere la base a Johnson e riconquistare gli inglesi.

Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

Articoli dal Blog “Fauda e balagan” di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi